Quanto è grande il Sole?

Queste sono le macchie solari di oggi

E questa pallina azzurra è la Terra. In scala, secondo l’astronomo Phil Plait.

La scienza sa essere più affascinante della fantasia. Il resto della storia è su Bad Astronomy. Se vi piacciono le immagini del Sole in tempo (quasi) reale da varie fonti, comprese le sonde spaziali, non perdetevi Helioviewer.org.

Uomo cammina sull’acqua a Londra

Ne parla LiberoTV qui, con un video. “Nessuno sa come faccia, quel che è certo è che Steven Frayne cammina sulle acque, senza trucchi né inganni.” Balle. È un prestigiatore: usare trucchi è il suo mestiere.

Persino il Daily Mail, che di solito non brilla per acume, spiega che la “polizia” che interviene nel video era in realtà un gruppo di attori. E non è vero che ha “attraversato” il Tamigi, come dice il Guardian; basta guardare il video per notare che rimane sempre abbastanza vicino alla riva (anche se la distanza viene esagerata con un uso attento delle inquadrature e degli obiettivi) e non arriva mai dall’altra parte, perché provvidenzialmente arriva la “polizia” a fermarlo.

La spiegazione più probabile è il piazzamento di una passerella sotto il pelo dell’acqua. Si nota che la turbolenza dell’acqua dietro di lui è differente da quella nelle zone circostanti: un effetto tipico di un ostacolo leggermente sommerso. L’aspetto improvvisato della scena, con Frayne che scavalca la barriera, fa parte della messinscena, e le imbarcazioni non passano mai fra Frayne e la riva (le canoe sembrano farlo, ma è un gioco di montaggio). L’effetto è stato girato per promuovere il nuovo programma televisivo dell’illusionista.

La Svizzera è tutta minata, secondo questo post e libro

Bruce Schneier segnala questo post e questo libro (La Place de la Concorde Suisse di John McPhee) che parlano di ponti, tunnel, gole, autostrade e colline già minate per farle saltare in aria in caso d’invasione. Vero in buona parte, ma attenzione: il libro risale al 1994. Oggi le cose sono un po’ diverse. Per esempio, il bunker in ogni casa/palazzo non è più obbligatorio. Ma le postazioni militari camuffate e la predisposizione delle strutture alla loro demolizione restano. Lo so; ci abito. Nei commenti all’articolo di Schneier ci sono parecchie info interessanti.